Mount Olympus summit. The "Throne of Zeus" 2.919m
COVER STORY

12 destinazioni che hanno dato vita alla mitologia greca

Mount Olympus summit. The "Throne of Zeus" 2.919m
READING TIME
Tutto il tempo necessario per bere un caffè Greco

Rivivi alcuni dei più grandi racconti della mitologia greca... con mente e corpo. 

L'ulivo di Atena, la gelosia di Era, la rabbia di Zeus, il coraggio di Teseo, i poteri sovrumani di Achille e il fiume che porta agli Inferi. La mitologia è piena di racconti di luoghi greci che continuano a catturare l'immaginazione e a ispirare i viaggiatori. Dall'Acropoli al Monte Olimpo, preparatevi a viaggiare nel magico mondo dell’antichità.

1. Atene - La gara tra Atena e Poseidone

Poche città sono così strettamente legate a una figura divina come Atene lo è ad Atena. La dea della saggezza diede il suo nome ad Atene dopo aver gareggiato con Poseidone per diventare patrono della città. Chiunque avesse dato il dono più prezioso avrebbe avuto questo onore. 

Poseidone colpì la roccia dell' Acropolis con il suo tridente, aprendo un pozzo da cui sgorgava una riserva inesauribile di acqua. Ma essendo il dio del mare, la sua fonte d'acqua era salata e imbevibile. 

Atena, invece, produsse un ulivo in fiore, ritenuto molto più prezioso dai cittadini della città (anche se alcune fonti dicono che Cecrops, il primo re di Atene, fosse il giudice). E così la capitale greca è conosciuta come Atene e non Poseidonia. 

The academy of Athens

2. Sounion - Re Egeo, l'Egeo e il tragico ritorno di Teseo

Atena può aver vinto la battaglia per essere la protettrice di Atene, ma Poseidone fu ben ricompensato nella sconfitta, con un magnifico tempio costruito in suo onore dagli ateniesi a Capo Sounion. Si dice che il re Egeo facesse ogni giorno il viaggio verso il bellissimo promontorio, situato in alto sopra il mare nell'Attica orientale, e guardava con nostalgia all'orizzonte aspettando il ritorno di suo figlio, Teseo, che si era recato a Creta per combattere il mortale Minotauro. Aveva chiesto a suo figlio di issare delle vele bianche se avesse avuto successo.

E così, vedendo il vascello con le vele nere avvicinarsi, Egeo saltò dalla scogliera verso la sua morte - solo perché Teseo, che aveva ucciso il Minotauro, aveva dimenticato di cambiare le vele. E da quel momento in poi, il mare che reclamò la vita del re di Atene sarebbe stato conosciuto come l' Egeo.  

Scopri il meglio delle isole dell'Egeo

3. Itaca - Il ritorno a casa di Ulisse

 non è tanto importante la destinazione, quanto il viaggio

Nessun racconto può essere più epico di quello del viaggio decennale di Ulisse per tornare a Itaca dopo la decennale guerra di Troia. Il suo successo si deve tutto al suo coraggio e alla sua astuzia, così come ai sacrifici dei suoi uomini, come notoriamente descritto nell'Odissea di Omero. Combattere contro i Ciconi, liberarsi dei mangiatori di loto, accecare il ciclope orbo Polifemo (figlio dell'infuriato dio del mare Poseidone) ... Odisseo superò ogni sfida. Sull'isola di Eolo (custode dei venti), gli fu regalato un sacco contenente i venti ed era sul punto di completare la sua ricerca quando uno dei suoi uomini, sopraffatto dalla curiosità, aprì il sacco. La tempesta che ne risultò portò Ulisse verso un'altra serie di avventure... sopravvivendo ai giganti Laestrigoni mangiatori di uomini, sfuggendo alle grinfie amorose della maga Circe, viaggiando negli Inferi di Ade e (tra le altre prove) navigando nello stretto tra il mostro a sei teste Scilla e il violento vortice Cariddi. 

Alla fine raggiunse le verdi coste di Itaca, solo per essere accolto da una sfida finale. Per reclamare la sua corona, doveva uccidere i pretendenti che si contendevano la mano della sua fedele moglie, Penelope. Così facendo, Odisseo completò il viaggio simbolico del ritorno a casa e della realizzazione del desiderio più profondo. 

Vale anche la pena notare che ci sono alcuni dubbi sul fatto che l'Itaca di oggi fosse effettivamente l'Itaca di Omero. Secondo fonti antiche e reperti archeologici, è altrettanto probabile che si tratti della vicina isola ionica di KefaloniaLefkada. Ma questo non sembra avere importanza, perché la storia di Odisseo è un perfetto promemoria del fatto che non è tanto importante la destinazione, quanto il viaggio.

The lovely settlement of Frikes, with a sense of luxury

4. Pelio - La montagna dei Centauri

una catena di eventi che portò all'inizio della guerra di Troia

Nelle fitte foreste del Monte Pelio vivevano i Centauri del mondo antico - con corpo umano dalla vita in su ma con le gambe e gli zoccoli di un cavallo. Erano famosi non solo per la loro superba forza fisica ma per la loro saggezza, con Chirone ritenuto il più saggio e il più giusto di tutti. Un gruppo di eroi fu mandato sui pendii frondosi del Pelio per imparare da Chirone - Ercole, Teseo, Giasone, Ulisse e Achille e suo padre Peleo, da cui la regione prese il nome.

Infatti, fu Chirone a organizzare il glorioso matrimonio di Peleo e Teti, al quale furono invitati tutti gli dei - ad eccezione di Eris, la dea della lotta e della discordia. Furiosa, Eris si intrufolò al matrimonio e mise una mela d'oro con la scritta "alla più bella" tra gli ospiti. La discussione che ne seguì tra Era, Atena e Afrodite scatenò una catena di eventi che portò all'inizio della guerra di Troia.

Segui il percorso dei centauri a Pelio

5. Cnosso - Teseo e il Minotauro 

Cnosso, il sito del più grande palazzo della civiltà minoica a Creta è indelebilmente legato al leggendario labirinto creato dal re Minosse per contenere la sanguinaria prole della storia d'amore tra sua moglie, Pasifae, e un toro bianco. Con il corpo di un uomo e la testa di un toro, il Minotauro fu contenuto nel labirinto dopo la consultazione di Minosse con l'oracolo di Delfi e nutrito con sette giovani e sette fanciulle di Atene ogni nove anni, come punizione per la sfortunata guerra degli Ateniesi contro i Minoici. 
Questo fino a quando l'eroe ateniese Teseo decise di essere uno dei sette uomini e di sconfiggere il Minotauro. Fu aiutato da Arianna, la figlia del re Minosse che si innamorò di Teseo al suo arrivo a Creta. Dopo avergli fatto promettere che l'avrebbe portata con sé ad Atene e l'avrebbe sposata, lei gli diede un gomitolo di filo per segnare il suo percorso nel labirinto. Egli trovò e uccise il Minotauro e ritornò con successo sui suoi passi fino all'entrata del labirinto.

6. Naxos - Dove Dioniso si innamorò

Si dice che Zeus sia cresciuto a Naxos. L'isola era originariamente chiamata Dias (greco per Zeus) e la sua montagna più alta è conosciuta come Zeus (o Zas per i locali). Ma il mito più famoso associato all'isola cicladica ha a che fare con Dioniso, il dio del vino. Durante il suo viaggio di ritorno ad Atene dopo aver ucciso il Minotauro a Creta, Teseo fece una breve sosta a Naxos. Lasciò lì Arianna, nonostante la sua promessa di sposarla.

Esausta dal viaggio e dal dolore della separazione, Arianna si addormentò su una spiaggia, dove Dioniso la incontrò per caso e si innamorò immediatamente. Dopo averla sposata, Dioniso condusse Arianna sul monte Olimpo in una solenne processione bacchica, dove Zeus la rese immortale. Secondo una versione della leggenda, Teseo lasciò Arianna sull'isolotto che oggi unisce il bordo del porto di Naxos, dove la Portara (l'entrata monumentale del Tempio di Apollo incompiuto) si trova ancora. 

7. Dion e il monte Olimpo - Il cortile degli dei  

Il santuario di Dion fu fondato sulle verdi pendici del monte Olimpo e, come suggerisce il nome, era dedicato a Zeus. Un enorme altare fu eretto per fare offerte divine agli dei, all'ombra della loro casa sulla montagna. Col tempo, Dion divenne il centro spirituale e religioso dei Macedoni, ospitando importanti competizioni teatrali, musicali e sportive in onore del re degli dei e delle sue figlie, le nove Muse. Infatti, è qui che iniziò la leggendaria campagna di Alessandro Magno per conquistare il vasto impero persiano, dopo la messa in scena di uno dei più memorabili giochi e sacrifici di Dion a Zeus.

The Archaeological Park of Dion

8. Elefsina - Il rapimento di Persefone

il dio degli Inferi si innamorò della giovane Persefone 

Eleusi (l'odierna Elefsina, nell'Attica occidentale) era il sito di uno dei più importanti santuari dell'antica Grecia. È dove si tenevano ogni anno i Misteri Eleusini, con una cerimonia di iniziazione per i partecipanti che avevano giurato di mantenere il segreto. Quel poco che sappiamo del rituale include il mito del rapimento di Persefone da Ade agli Inferi e il suo eventuale ritorno da sua madre, Demetra, la dea dell'agricoltura. Secondo il mito, il dio degli Inferi si innamorò della giovane Persefone e apparve sul suo carro attraverso un varco nella terra e la rapì. Inconsolabile, Demetra non lasciò che la terra desse frutti fino al ritorno di sua figlia.

Dopo l'intervento di Zeus, fu concordato che Persefone avrebbe diviso l'anno tra Ade e sua madre, con il risultato che la natura si ammalava e gelava in autunno e inverno e rinasceva e diventava verde in primavera ed estate. Il ciclo simboleggia la costante decadenza e rinascita della natura - e di conseguenza la vita stessa.

9. Acheronte - Il fiume per gli Inferi

non si può ricevere da chi non ha

Il lago Acherousia e il fiume Acheronte, in Epiro, sono oggi tra i paesaggi naturali più belli e sereni della Grecia. Ma nei tempi antichi, si credeva che qui si trovassero le porte degli inferi. Era compito del traghettatore Caronte trasportare le anime dei nuovi defunti attraverso il fiume e nel regno di Ade. 

Il costo del trasporto era una moneta (un obolo). Si dice che solo un'anima, lo squattrinato Menippo, convinse Caronte a portarlo senza pagare, con il memorabile argomento che "non si può ricevere da chi non ha". L'Ade era rigorosamente fuori portata per i vivi, naturalmente, ma ci furono alcuni personaggi coraggiosi che fecero la traversata con Caronte, tra cui Ercole, Teseo e Orfeo.

10. non si può ricevere da chi non ha 

il più importante oracolo del mondo antico

Prima di ricevere il nome che è diventato un punto di riferimento internazionale, Delfi era conosciuta come Pytho, dal nome del temibile drago-serpente che viveva lì, chiamato Pitone. In un attacco di gelosia contro la dea Leto, che era rimasta incinta di Zeus prima del suo matrimonio con il re degli dei, Era mandò Pitone a inseguire Leto perché non desse alla luce i gemelli Apollo e Artemide. Quando Apollo crebbe, uccise Pitone con le sue frecce avvelenate, nonostante l'omicidio fosse vietato dalla legge divina nel recinto in cui viveva il drago. Apollo fu bandito da Zeus nella mitica Terra dell'Estremo Nord. 

Quando tornò, fondò il suo tempio e il suo oracolo a Pytho e, in memoria del drago ucciso, la sacerdotessa del santuario fu chiamata Pythia. Il Tempio di Apollo di Delfi divenne il più importante oracolo del mondo antico, offrendo profezie nove volte all'anno, durante i mesi in cui Apollo era presente.

11. Delo - Leto e l'origine delle Cicladi

Bandita da Zeus, Leto vagò per il mondo antico alla ricerca di un posto per partorire, essendo stato vietato di toccare la terra. Alla fine trovò rifugio su Delo, che si credeva galleggiasse, con la promessa che l'isola poco conosciuta fosse destinata alla grandezza. Lì diede alla luce Artemide senza problemi, ma il suo travaglio con Apollo durò nove giorni e notti dolorose. Si dice che la sempre gelosa Era avesse rapito Eileithyia, la dea del parto, e che fu Artemide ad assistere al parto del suo fratello gemello. 

Alla presenza delle altre dee (inviate per assistere alla nascita di una divinità) Apollo nacque sotto una palma, associando per sempre l'isola di Delos (allora chiamata Asterios) al dio del sole e capo delle Muse. Le ricchezze seguirono debitamente e gli antichi Deliani mostrarono il loro apprezzamento ad Apollo creando un vasto santuario in suo onore. La fama di Delo era tale che gli antichi la consideravano il centro delle isole circostanti, da allora in poi conosciute come Cicladi

Esplora il luogo di nascita di Apollo a Delo

12. Nemea - Ercole e il Leone di Nemea 

La prima e più nota delle fatiche di Ercole fu quella di uccidere un leone che terrorizzava Nemea. Impenetrabile alle armi mortali, la pelle del leone era d'oro e i suoi artigli potevano strappare anche le armature più forti. A Nemea, Ercole fu accolto nella capanna del pastore Molorchos, che aveva perso suo figlio a causa del leone. Riconoscendo i poteri soprannaturali del suo ospite, Molorchos fu il primo a rendere omaggio a Ercole. Dopo aver seguito il leone attraverso la campagna di Nemea, Ercole trovò la sua tana, che notò avere due entrate. Ne bloccò una con delle pietre ed entrò dall'altra, sorprendendo il leone e picchiandolo con una clava. Nella lotta, il leone tagliò un dito a Ercole. Rendendosi conto che nessuna arma poteva sconfiggere la bestia, la strangolò a mani nude. 

Per dimostrare il suo successo e proteggersi dagli attacchi, Ercole indossò la pelle dorata del leone. Il re di Micene, Euristeo, che aveva sfidato Ercole alle fatiche, inizialmente lo scambiò per il leone e si nascose. Per quanto riguarda il leone, gli dei sollevarono ciò che ne rimaneva verso il cielo, formando la costellazione del Leone.

Ruins of Ancient Corinth
Done
Done
Done
Done
Accommodation

Electra Palace Athens

Atene

Stately, with the air of an era long gone, the Electra Palace Athens, hospitable and aristocratic, awaits to welcome you in the heart of the...

Official online rates

Read Also

Here is a selection of stories you may also like
Hiking Balos trail

Le 8 avventure all'aperto più popolari in Grecia

Oia in Santorini

In giro per la Grecia in traghetto nell'era Covid-19

Nightlife in Athens

Una guida locale alla vita notturna di Atene

Sunset in Serifos

Le 12 destinazioni più romantiche della Grecia

Ancient Parthenon Acropolis Athens

10 cose migliori da fare ad Atene con bambini

Leonidas Giannakopoulos - Eternal traveler, Metaxourgeio

Dove trovare la migliore arte di strada ad Atene

Oia in Santorini

In giro per la Grecia in traghetto nell'era Covid-19

Nightlife in Athens

Una guida locale alla vita notturna di Atene

From the beautiful chapel of Agios Konstantinos nearby, you can look out beyond Livadi onto Cycladic islands… Sifnos, Milos and (on clear days) Tinos and Mykonos

Scopri le 10 cose migliori da fare a Serifos

Sunset in Serifos

Le 12 destinazioni più romantiche della Grecia

Ancient Parthenon Acropolis Athens

10 cose migliori da fare ad Atene con bambini