7

7 FUGHE A KAVALA ALLE PENDICI DEL MONTE PANGAIO

READING TIME
Tutto il tempo necessario per bere un caffè Greco

Una volta scoperte tutte le cose da fare durante le vacanze a Kavala e a Tasso, cercherai dei motivi per tornare in una delle migliori combinazioni di terraferma e isole della Grecia settentrionale. Siamo qui per svelarti un'altra gemma nascosta, a soli 40 km da Kavala. Il monte Pangaio offre tutto l'anno una serie di attività, perfette per una fuga di un giorno, come la scoperta di villaggi, cantine, artigianato tradizionale e prodotti locali, oltre a mangiare e fare escursioni. Rinomata per il culto di Dioniso (dio del vino e della baldoria) e per le sue miniere d'argento e d'oro nell'antichità, i villaggi di montagna e le fitte foreste di faggi, platani, abeti e castagni del Pangaio sono perfetti per chi vuole scoprire una parte della Grecia praticamente incontaminata. 

* Si può raggiungere Kavala su strada da Salonicco (2 ore) o in aereo da Atene o da altre città europee nei mesi estivi (quando ci sono voli diretti).

Visitare cantine che nascondono antichi segreti

Sul monte dove un tempo si venerava il dio del vino, la visita ai vigneti del monte Pangaio è la prima delle fughe a Kavala. Come scoprirai, nei dintorni di Kavala si produce vino fin dall'antichità: le testimonianze della pigiatura dell'uva nei pressi del sito archeologico di Filippi sono le più antiche d'Europa. I viticoltori della Grecia settentrionale hanno creato la Strada del Vino di Dioniso, compresi i vigneti del Monte Pangaio, come Biblia Chora e la cantina Nico Lazaridi Makedon, che si sono guadagnati un'ottima reputazione internazionale e hanno contribuito a far sì che i vini del Monte Pangaio ottenessero lo status di Indicazione Geografica Protetta.

A tour of the cellar of a winery near Kavala

Il nome di Biblia Chora deriva da quello dato alla regione dagli antichi greci, che continuarono i metodi di produzione del vino dei fenici, i quali (attratti dalle miniere d'oro e d'argento) portarono con sé il vitigno sacro Biblia Ampelos. Oggi i vigneti del Monte Pangaio producono varietà di uve greche come l'Assyrtiko, il Roditi, la Malagouzia e il Moschato, ma anche vitigni europei come lo Chardonnay, il Merlot, il Syrah e altri ancora, come potrai scoprire durante un tour dei vigneti e delle degustazioni.

Scoprire le gemme del villaggio di Moustheni

Il prossimo passo è la visita ai villaggi del Monte Pangaio, a cominciare dallo splendido Moustheni, a soli 40 minuti di auto da Kavala e immerso nel verde della montagna. Il solo entrare nel villaggio è un'esperienza edificante, con ponti ad arco che uniscono le case costruite dai maestri scalpellini dell'Epiro su entrambe le sponde del fiume.  Passeggiando per Moustheni si entra in un altro mondo, con mulini ad acqua e fontane che sgorgano acqua fresca tutto l'anno e un'incantevole piazza principale. Con una popolazione permanente di circa 1.000 persone e gioielli architettonici come l'Antica Scuola Turca (cerca l'iscrizione araba) e il Museo Popolare, non penserai mai di essere a soli 20 km dal mare.

Lunch at Bostani Gastronomy restaurant surrounded by greenery in Moustheni village

Moustheni è piena di sorprese, dalle taverne che servono piatti locali a un ristorante (Bostani Gastronomy) appena fuori dal villaggio che propone una raffinata cucina mediterranea con ricette come la zuppa di funghi velouté con olio al tartufo e i fiori di zucchina ripieni di feta, pesto e castagne.

Suggerimento: Appena fuori Moustheni, le Tripes tis Panagias (Buche della Vergine Maria) sembrano ingressi di grotte, ma si ritiene che siano antichi tunnel minerari. Secondo la leggenda, conducono al monastero di Panagias tis Eikosifoinissas sull'altro versante del monte Pangaio.

Sceglie il tuo formaggio preferito in una fattoria locale

Prima di lasciare Moustheni, prova il maggior numero possibile di prodotti locali. Olio d'oliva, tsipouro (un'acquavite d'uva), dolci a base di mandorle conosciuti come amigdalota e pasta fatta a mano... qualsiasi cosa troverai nei negozi locali, ti piacerà. Ma la prossima perla della tua fuga a Kavala ti permetterà di conoscere anche le persone (e gli animali) che stanno dietro ai prodotti locali. La fattoria Mousthenis, di proprietà della famiglia (appena a sud del villaggio), alleva pecore e capre da tre generazioni, trasformando il loro latte in deliziosi formaggi e altri prodotti caseari.

Lo stesso amore e la stessa cura con cui viene allevato il bestiame si ritrovano nella produzione di formaggi (come imparerai assaggiando katsikisio, graviera, kalathyri e kasseri). La fattoria offre la colazione e il pranzo, oltre a un tour dei recinti degli animali (sempre molto apprezzato dai bambini) e un'introduzione alle tecniche di allevamento sostenibile. E se non sei amante del formaggio, non temere. La fattoria produce anche marmellate (fragola, pesca, prugna, ciliegia), chutney (cipolla, pomodoro), erbe e spezie (origano, menta, alloro, rosmarino) e trahane fatte a mano (un'antica pasta a base di latte di capra e cereali).

Immergiti nel villaggio di Mesoropi pieno d'acqua

A soli 4 km di auto da Moustheni, ma un po' più in alto, sulle pendici del monte Pangaio, si trova il villaggio di Mesoropi... e non è da meno. C'è un'architettura macedone più tradizionale (osserva il contrasto tra le tegole rosse dei tetti e le pareti delle case bianche e dei palazzi del XIX secolo e il bel campanile di 200 anni della chiesa di Agios Georgios) e ascolta l'acqua che scorre mentre passi accanto ai mulini ad acqua e attraversa i ponti (il ponte Klothori è il più famoso). Passeggia con calma e scegli il tuo caffè o la tua taverna nella piazza lastricata di pietra.

Oppure puoi trovare una panchina intorno al villaggio e fare un picnic. Ma se sei amante della carne, sarai sicuramente tentato da uno dei piatti della taverna (controfiletto o bistecca alla griglia, agnello cotto a fuoco lento o stinco di maiale, noto come kotsi, tutti di provenienza locale) o magari dalle lumache in salsa rossa. E che dire dell'hotel boutique che serve una cucina gourmet premiata in un'antica casa di pietra tradizionale? Viene da chiedersi cos'altro nasconda il monte Pangaio.

Visitare un produttore locale di quarta generazione

A Mesoropi abbiamo un'altra gemma culinaria per te: potrai conoscere da vicino uno dei superalimenti greci più iconici, il tahini. Vicino alla chiesa di Timios Prodromos si trova la fabbrica della famiglia Floros, giunta alla quarta generazione di tostatura dei semi di sesamo in modo tradizionale per produrre la pasta di tahini. Il segreto, come scoprirai durante la visita, è scegliere semi di sesamo biologici interi (non decorticati, con il rivestimento esterno attaccato). Poi si tostano con legno di faggio e si macinano su un mulino a freddo. La bassa temperatura preserva gli oli naturali dei semi di sesamo ed esalta il profilo aromatico del tahini, spesso definito il migliore della Grecia. Ti piacerà imparare tutto sul processo e ascoltare la storia della famiglia, che nel 1880 acquistò il primo di quattro mulini ad acqua per alimentare il mulino. 

Suggerimento: la famiglia Floros produce anche halva (un dolce a base di semi di sesamo e semolino) e miele. E se sei alla ricerca di pane per un picnic, nelle vicinanze ci sono un paio di panetterie che producono fantastici lieviti madre.

Passeggiare in montagna

Con una foresta così fitta (e con tanto cibo), avrai sicuramente voglia di camminare. Sopra di te troverai le cime del Monte Pangaio - Dikorfo o Trikorfo (1.940 m), Voskos (1.858 m), Mati (1.956 m) e Avgo (1.835 m), con rifugi apprezzati dagli intrepidi escursionisti del Club Alpinistico di Kavala. Ma non temere, ci sono sentieri rilassanti anche sui pendii più bassi. Il sentiero Mesoropi parte dall'interno del villaggio e si snoda su ponti e attraverso il verde fino a raggiungere le cascate Mesoropi dopo circa 1 ora. In estate è possibile fare un tuffo nella piscina. Da qui il sentiero continua a risalire la montagna (a 2 ore di distanza si trovano alcune grotte) e termina al rifugio del Club Alpinistico di Kavala a 1.650 mm vicino alla cima dell'Avgo.

Hiking on Mt Pangaio

Un'altra passeggiata consigliata inizia sopra Palia Avli (poco sopra il villaggio di Avli). A circa 150 metri sopra la chiesetta dell'insediamento si trova un sentiero che attraversa la strada forestale e permette di godere appieno della foresta di faggi, platani, abeti e castagni. Raggiungere il rifugio del Club Alpinistico è un'escursione in salita di 3,5-4 ore (il rifugio Hatzigeorgiou è ancora più lontano), per cui si può tornare indietro quando si vuole.

Suggerimento: Per le passeggiate più lunghe sul Monte Pangaio, chiedi alla gente del posto le condizioni meteorologiche e come ottenere una guida e accedere a uno dei rifugi funzionanti.

Approfondire la storia religiosa del monte Pangaio

L'ultima delle fughe a Kavala sulla montagna, i cui abitanti un tempo veneravano il culto di Dioniso prima di convertirsi al cristianesimo, è quella di visitare i monasteri. Sul monte Pangaio ci sono decine di monasteri aperti ai visitatori fino al tramonto. Alcuni sono particolarmente speciali e meritano di essere visitati sia per il loro interesse architettonico e storico che per la loro aura rilassante. Il Santo Monastero dell'Ascensione, a 950 metri di altezza sulle pendici settentrionali del Monte Pangaio, ha una chiesa principale circolare e una vista panoramica sulla pianura di Serres. Le monache si dedicano all'agiografia e ai ricami in filo d'oro, oltre a produrre pasta fatta a mano, conserve e altri prodotti che si possono acquistare.

Nel frattempo, la chiesa principale del Santo Convento della Vergine Maria Eikosifoinissa risale alla metà del XIX secolo, ma fu fondata nel V secolo d.C. (il che lo rende uno dei monasteri più antichi della Grecia). Presenta meravigliosi affreschi del XVI secolo e una sezione di pavimento in marmo risalente al periodo bizantino del monastero, intorno all'anno 1000. Infine, il Convento di San Panteleimon Chrysokastro (costruito su una collina un tempo conosciuta come Aetoplagia o Pendio dell'Aquila) risale al cambio di popolazione dopo la catastrofe dell'Asia Minore del 1922. L'insediamento era un tempo un villaggio turco chiamato Eletzik, prima che lo scambio di popolazione con la Turchia portasse i rifugiati greci che trasformarono la moschea del villaggio in una chiesa dedicata a San Panteleimon.

7 Fughe a Kavala alle pendici del Monte Pangaio

Le pendici del monte Pangaio, densamente boscose, nascondono così tante sorprese che ogni fuga a Kavala sembrerà un'avventura. Ogni stagione offre qualcosa di diverso, e non vedrete l'ora di tornare.  

Scopri altri motivi per visitare Kavala

Prenota il tuo viaggio





Stay connected with Greece

Bleecker bag Alphabet blue

Bleecker bag Alphabet blue

25€
Hoop earrings

Thassos Marble hoop earrings

200€

Read Also

Keramoti beach near Kavala is also known as Ammoglossa (or sand tongue)

8 delle migliori spiagge vicino a Kavala

5 motivi per i quali non potrai perdere Kavala

Giola lagoon the natural pool carved into the rock by the sea in Thassos

5 motivi per i quali non puoi perdere Tasso

Alberi con foglie d'oro in autunno a Valia Κalda

Vacanze autunnali in Grecia