The theatre was central to Philippi’s history
EXPERIENCE

Un tour del sito archeologico di Filippi

Il sito archeologico di Filippi, vicino a Kavala, ha una delle storie più ricche di tutte le antiche rovine greche, che gioca un ruolo fondamentale nella storia macedone, romana e paleocristiana
Thrace region-id="pin-13";Macedonia Macedonia Epirus Thessaly Sporades Ionian Islands Western Greece Central Greece Attica Peloponnese Crete Cyclades North Aegean Islands Dodecanese Dodecanese Karpathos Astypalea Tilos Sitia Faistos - Matala Patmos Kastelorizo Kasos Kos Leros Halki Rhodes Symi Sfakia - Loutro Rethymno Elounda - Agios Nikolaos Agia Galini Plakias Hersonissos - Malia Ierapetra Heraklion Chania Nisyros Ikaria Lipsi Tzia - Kea Thasos Samos Lesvos Samothrace Limnos Chios Kalymnos Paros Naxos Zante - Zakynthos Lefkada Corfu Santorini Milos Kythnos Kimolos Serifos Syros Sifnos Koufonisia Ios Kefalonia Mykonos Paxi Ithaca Arta Ioannina Tinos Parga - Sivota Metsovo Anafi Sikinos Folegandros Donousa - Iraklia - Schinoussa Antiparos Zagori Mountainous Arkadia Porto Heli - Ermioni Preveza Amorgos Andros Delos Messolongi Ancient Olympia Aegina Kythira Archea Epidavros Patra Nafplio Kardamyli Kalamata Ilia Corinth Western Messinia Kalavryta Elafonissos Nafpaktos Spetses Poros Hydra Alexandroupolis Pylos Mycenae Monemvasia Loutraki Piraeus Athens Arahova Xanthi Galaxidi Mystra - Sparta Mani Edipsos Karpenisi Delphi Chalkida Karystos Evia Skyros Vergina Alonissos Volos Karditsa Skopelos Skiathos Kastoria Thessaloniki Prespes Agios Athanasios Edessa Serres Veria Larissa - Tempi Elati - Pertouli Trikala Pelion Meteora Drama Ammouliani Mount Athos - Ouranopolis Nymfeo Mount Olympos Katerini Halkidiki Grevena Lake Kerkini Naoussa Kozani Kilkis Kavala Pella Lake Plastira
Durata
2 - 3 ore
Per stagione
Tutto l'anno

OVERVIEW

La profondità della storia del sito archeologico di Filippi è stupefacente. Tra il IV secolo a.C. e l'inizio del I millennio fu occupato da Filippo II di Macedonia (padre di Alessandro Magno), fu testimone della battaglia che fondò l'Impero Romano e fu visitato dall'apostolo Paolo, aprendo la strada alla comunità dei primi cristiani in Europa. Nel 2016, ha preso il posto tra i siti greci del patrimonio mondiale dell'UNESCO

Originariamente chiamata Krenides, Filippi fu fondata nel 360 a.C. come colonia di Tasso, l'isola a sud di Kavala (la città più vicina nella Grecia nord-orientale). Fu conquistata nel 356 a.C. da Filippo II, che riconobbe la sua importanza per le risorse naturali (tra cui legname, oro e argento) e introdusse molte delle strutture che possiamo ancora ammirare, tra cui il teatro e gli edifici pubblici e privati. Nei secoli successivi, fiorì come una tappa importante sulla Via Egnatia, l'antica via commerciale che collegava l'Europa all'Asia.

Tuttavia, la più grande pretesa di fama storica della città venne con la battaglia di Filippi nel 42 a.C., quando gli eserciti di Marco Antonio e Ottaviano sconfissero gli assassini di Giulio Cesare, Bruto e Cassio. La battaglia segnò la fine della Repubblica Romana e pose Filippi come pietra angolare orientale del nuovo Impero Romano. L'imperatore Augusto (come divenne Ottaviano) cambiò il nome di Filippi in Colonia Iulia Philippensis.

Mentre esplorerai il sito archeologico, potrai apprezzare la transizione della città da insediamento ellenistico a colonia romana, con l'espansione del teatro, la creazione del Forum (l'agorà romana) e la proliferazione di edifici centrali per la vita quotidiana antica (tra cui bagni, cisterne e latrine che avevano acqua corrente). 

Potrai anche apprezzare le ricchezze derivanti dal commercio sulla Via Egnatia in quella che divenne una delle città più importanti della Grecia romana.

Il terzo capitolo della storia di Filippi arrivò nel 49 o 50 d.C. quando l'apostolo Paolo predicò le parole della nuova religione del mondo all'interno delle sue mura. Fu sbattuto brevemente in prigione come risultato, ma questo non fermò Filippi dal diventare una metropoli del primo cristianesimo. Diverse chiese furono erette nei secoli successivi e i resti di alcune possono ancora essere visti, comprese due basiliche e la cosiddetta Chiesa Ottagonale, dedicata a San Paolo. Mentre camminerai, potrai letteralmente ripercorrere alcuni dei primi passi del cristianesimo in Europa. 

Filippi continuò a mantenere una posizione importante nella cristianità bizantina, ma, danneggiata da terremoti e incursioni nei secoli successivi, la sua importanza diminuì fino a quando fu abbandonata durante il periodo ottomano - un destino che ha contribuito a preservare alcuni dei più significativi (anche se poco conosciuti) monumenti antichi in Grecia.
 

Leggi di più Read Less

DON'T MISS

Il sito archeologico di Filippi

Il teatro

Il teatro era centrale nella storia di Filippi. Fu commissionato da Filippo di Macedonia a metà del IV secolo a.C. e ampliato nei secoli successivi sotto il dominio romano, quando l'area dei posti a sedere fu aumentata e furono aggiunti muri di contenimento per ospitare un edificio a tre piani. Nel II e III secolo d.C., il palco fu trasformato in un'arena per i giochi romani che includevano animali selvatici. Un muro fu costruito per proteggere gli spettatori dagli animali, che erano tenuti in una camera sotterranea dall'orchestra. Il teatro è ancora usato per gli spettacoli del Festival estivo di Filippi.

Le chiese

Delle due basiliche (A e B) rimangono solo i resti o i detriti, ma si può immaginare la loro gloria quando furono costruite nello stile delle chiese bizantine di Costantinopoli. Purtroppo, nessuna delle due basiliche durò a lungo. La prima fu distrutta da un terremoto poco dopo la costruzione nel V secolo d.C. e la seconda crollò prima della sua dedicazione nel secolo successivo. Nonostante ciò, le parti che sono ancora in piedi (incluso un enorme portale ad arco) offrono un'affascinante visione dell'architettura delle chiese paleocristiane (con basiliche a tre navate, soffitti a volta e pilastri) insieme a elementi di design come atri e affreschi.

Il centro del patrimonio cristiano di Filippi è il Complesso dell'Ottagono, che contiene una chiesa del V secolo d.C. che sembra quadrata dall'esterno ma è ottagonale all'interno. Fu costruita sul sito di una chiesa più piccola del IV secolo che (da motivi e altri resti) sappiamo essere stata dedicata a San Paolo. Contiene anche un Heroon funerario, che indica che era un luogo sacro in epoca ellenistica.

La prigione di San Paolo

Si potrebbe facilmente ignorare questa piccola camera, mezza distrutta e con pareti di mattoni, se non fosse per il cartello che dice "Prigione di San Paolo". Si crede che fosse una cisterna d'acqua romana ma (come testimoniano i resti di affreschi sul muro) fu convertita in una piccola chiesa dopo l'imprigionamento di San Paolo.

Il Foro

Come tutte le antiche città greche, Filippi aveva un mercato. In effetti, ne aveva due, poiché il Foro Romano fu costruito accanto all'originale agorà greca. Dai resti degli edifici che circondano una piazza aperta, si può avere un'idea di questo centro amministrativo e commerciale un tempo molto attivo. I resti lastricati di quella che si crede essere una sezione dell'originale Via Egnatia la rendono ancora più suggestiva. Ci sono molte iscrizioni in latino che aggiungono vita alle rovine.

Il museo

Il museo archeologico di Filippi è diviso su due livelli. Il primo piano si concentra sulla preistoria fino all'epoca romana (con sculture, vasi, monete e gioielli), mentre il secondo piano è dedicato all'eredità cristiana della città (con vasi, monete e altri manufatti) dal periodo paleocristiano al declino di Filippi nel VII secolo e il suo abbandono finale all'inizio dell'occupazione ottomana.

Il Battistero di Santa Lidia a Thyatira

Molto vicino al sito archeologico si trova la chiesa dedicata a Santa Lidia che, ispirata dal sermone dell'apostolo Paolo nel 49/50 d.C., scelse di essere battezzata nel fiume Zygaktis - diventando la prima donna ad essere mai stata battezzata. Questo bellissimo battistero ottagonale è stato costruito nel 1974 vicino al fiume ed è situato all'aperto. Una cerimonia di battesimo per adulti viene tenuta nel sito il 20 maggio di ogni anno, alla quale tutti i visitatori sono benvenuti.

Leggi di più Read Less

Come si arriva al sito archeologico di Filippi?

  • Filippi può essere raggiunta su strada da Kavala (16 km, 25 minuti), nel nord-est della Grecia, o da Salonicco (160 km, 1 ora e 50 minuti).
  • Sia Kavala che Salonicco hanno aeroporti (con voli da Atene per Kavala e voli internazionali e nazionali per Salonicco).
  • C'è un servizio regolare di autobus pubblici (KTEL) tra Salonicco e Kavala. Per saperne di più

Quando è il momento migliore per visitare il sito archeologico di Filippi?

  • Filippi e le aree circostanti (comprese Kavala e l'isola di Thassos) non sono troppo affollate, anche durante i mesi estivi. Quindi ci si può andare in qualsiasi momento dell'anno. 
  • Durante i mesi estivi, vale la pena visitare la mattina o il pomeriggio per evitare il caldo di mezzogiorno. 
  • La primavera e la tarda estate/autunno sono i momenti ideali per godersi la campagna.
     

Di quanto tempo avrai bisogno per visitare il sito archeologico di Filippi?

  • Avrai bisogno di 2-3 ore per esplorare completamente il sito e il museo, che sono aperti dalle 8:30 alle 15:30 tutti i giorni e dalle 8:00-22:00 durante i mesi estivi.
  • È chiuso nei giorni di festa nazionale

Maggiori informazioni qui.

Quanto costano i biglietti per Filippi?

  • I biglietti costano 6€ (3€ ridotti) durante l'estate. I biglietti ridotti sono validi per tutti i visitatori dall'1 novembre al 31 marzo.

Maggiori informazioni qui.

  • Il sito è per lo più scevro di vegetazione ed è piuttosto esteso, quindi indossa abiti adatti alla stagione e scarpe comode.
  • Come per qualsiasi sito archeologico all'aperto, vale la pena controllare le condizioni meteorologiche prima della visita.
  • Il museo è adatto ai visitatori disabili.
     

VIAGGIARE CON RESPONSABILITÀ

Ti preghiamo di aiutarci a conservare la magia del nostro patrimonio, anche per le generazioni future, seguendo tutte le regole base fornite per la visita dei siti archeologici.

Evita di toccare rovine o monumenti. Gli oli naturali rilasciati dal contatto con le dita possono essere estremamente dannosi per i resti archeologici. Resta sui sentieri indicati e rispetta le persone che stanno visitando il sito con te. Usa i bidoni dat
Resta sui sentieri indicati e rispetta le persone che stanno visitando il sito con te.
Usa i bidoni dati in dotazione o, se necessario, porta con te la spazzatura.
Se c'è un cartello con la scritta "No fotografie con il flash", rispettalo. È per la protezione dei monumenti.
Utilizza una bottiglia di acqua riutilizzabile per cercare di ridurre al minimo l'uso della plastica.
È vietato fumare.
Read More Read Less
YOU NEED TO KNOW ·

See also

You might be interested in
The old town of Kavala

Alla scoperta della grande storia e delle tradizioni di Kavala

View of traditional tavern in Pythagoreio

In giro per villaggi a Samos, dalla montagna alla costa

Ancient Epidaurus is most famous today for giving us the best-preserved ancient Greek theatre

Antica Epidauro, l'originale e lussuoso centro di cura

It’s worth timing your visit to coincide with the sunset

Una visita al magico Tempio di Poseidone a Sounion

Palaios Panteleiomonas is a centuries-old village whose inhabitants had chosen to relocate to the coast before returning to breathe new life into the village

Un fantastico giro per villaggi presso le pendici del Monte Olimpo

Τhe Temple of Demeter, the 6th-century BC sanctuary dedicated to the goddess of harvest and fertility

Una visita al Tempio di Demetra a Nasso