IKARIA

UNO STUDIO DI CONTRASTI E DI LONGEVITÀ

Spiaggia delle Seychelles su Ikaria

Villaggi che seguono il ritmo di un batterista diverso, paesaggi selvaggi e il segreto della lunga vita.


Icaro, l'impetuoso figlio di Dedalo che disobbedì al padre e volò troppo vicino al sole, diede il suo nome a quest'isola rocciosa dell’ Egeo del Nord. Qui le cose vengono fatte diversamente. Nessuno ha mai fretta, il che potrebbe spiegare l’ incredibilmente lunga durata della vita, e in alcuni luoghi, il ​​normale ciclo giorno / notte che è completamente rovesciato. L'isola stessa è uno studio dei contrasti e dell’ inatteso.

Alte montagne rocciose si alternano a verdi pendii, a corsi d'acqua e a spiagge che potrebbero essere state importate dai mari del sud. Gli abitanti hanno una capacità insaziabile per divertimento, cibo, allegria, musica e bevande. Sei pronto per qualcosa di completamente diverso? Vieni a Ikaria. È un fenomeno insulare diverso da qualsiasi altro in Grecia o nel mondo.


Cosa fare a Ikaria


Le sagre del villaggio
Ogni villaggio approfitta della festa di un santo per organizzare una sagra che coinvolge musica, balli, tonnellate di cibo e carri armati carichi di vino e rakì. Spesso durano tutto il giorno e tutta la notte, feste che neanche i più vecchi abbandonano. Se sei interessato alle tradizioni e alle persone locali, devi partecipare a una o più di esse. Fortunatamente alcune delle più grandi cadono in agosto; a Christòs a Raches il 6, a Langadàs, a Monokambi e ad Akamatra il 15, a Karavostamo il 17 e a Maratho il 27.

Christòs
Se pensavi che il resto di Ikaria andasse più lentamente che altrove, preparati alla conclusione logica (o forse è la logica che è capovolta nella tua testa) a Christòs. Qui il fornaio è l'unico sveglio a lavorare durante il giorno. Tutti gli altri negozi, comprese le banche, sono aperti di notte quando il villaggio prende vita. Le origini di questo programma sottosopra potrebbero risalire al fatto che tutti lavoravano nei campi durante il giorno, quindi era logico che i negozi aprissero dopo il tramonto.

Nas, la spiaggia di Artemis
Un grande ruscello cade giù per il pendio della collina e si snoda nell'Egeo, annaffiando piante e alberi che forniscono ombra a una miriade di giovani rilassati. I resti sparsi di un antico tempio di ‘’Artemis Tauropolou’’ si trovano al punto dove il ruscello sfocia nel mare. I due poteri per i quali Artemis, veniva venerata qui, erano la forza seminale della natura e il suo impatto sul paesaggio.

Le spiagge di Mesahtì e Seychelles
Due spiagge tanto diverse fra loro e nello stesso tempo tanto uniche. Quella di Mesahtì è enorme e dorata, ideale per gli sport acquatici, per castelli di sabbia, e per bevande rinfrescanti al suono rilassante delle onde mentre la tua anima sorseggia nell'orizzonte blu.

L’ altra, una piccola bella spiaggia, raggiunta dopo una buona escursione di dieci minuti, le Seychelles, è esotica come suggerisce il nome. Rocce bianche, macigni e scogliere si uniscono a un blu traslucido per incantare la sostanza dei sogni. È una buona idea portare con sé delle provviste, poiché solo occasionalmente una piccola barca arriva vendendo "qualcosa da mangiare, qualcosa da bere".


Immagini di Ikaria



Le gemme nascoste di Ikaria


Manganitis e Karkinagri: due villaggi da scoprire
A Ikaria lì dove finiscono le strade, iniziano le sorprese. Nel remoto villaggio di Karkinagri, gli abitanti hanno seguito il loro mondo interiore, hanno deciso che potevano fare a meno delle cose che molti di noi consideraiamo essenziali e vivono la vita nella sua forma più pura. Ad esempio, non ci sono negozi! A Manganitis non crederai alle forme scolpite delle rocce che si tuffano nell'Egeo o alla violenza con cui perforano il cielo. Qui, hanno fatto pace con le regole della natura e tutti sono più che contenti. Per quanto riguarda il tempo, nell'elenco di oggetti che sono piuttosto scarsi da queste parti, oltre gli orologi puoi aggiungere anche i negozi!

Roccia contro i pirati
Un raro fenomeno architettonico, i nascondigli anti-pirati. Furono creati durante un "periodo oscuro" intorno al 1700, quando gli abitanti vivevano nella costante paura delle incursioni dei pirati. Essendo la necessità la madre dell'invenzione, i locali costruirono case prive di finestre senza camini completamente mimetizzate da enormi massi rotondi, fortificandole con pietre. A volte nascoste con cura sotto gli alberi, parzialmente sepolte nel terreno e coperte da grandi lastre di ardesia, sono meraviglie dell'ingegno.

Terme
La buona fortuna ha benedetto Ikaria con una ricchezza di centri di benessere. Otto sorgenti termali naturali, che affiorano in vari punti dell'isola, rivitalizzano corpo e anima. Chissà, forse anche tu potresti scoprire il segreto della famosa longevità degli abitanti.