MISSOLUNGI

UN VIAGGIO NELLA CITTA’ DEGLI EROI

Guarda il video
Riflessione di una barca a Tourlida, Missolungi

Nella Grecia occidentale c’è un luogo sacro alla grecità che ti accoglierà con la sua bellezza naturale, la sua storia, i suoi fieri e ospitali abitanti e con il suo affascinante ecosistema acquatico.


Neppure il fotografo più esperto potrebbe riprodurre appieno nei suoi scatti la luce dorata con cui il lago marino di Missolungi brilla all’ora del tramonto. Situata fra due laghi, questa tranquilla città (il cui nome arriva dall’italiano “mezzo laghi”) si sviluppa su un terreno pianeggiante ed è particolarmente amata dai ciclisti e dalle famiglie con bambini.

Tra le sue strade risuonano gli echi della Rivoluzione greca: qui morì Lord Byron, che col suo sacrificio indusse migliaia di filelleni a supportare la causa dell’indipendenza e ispirò il poeta nazionale greco Dionysios Solomos, che eternò in un suo componimento il celebre assedio di Missolungi. I vivai di pesci, le barche e le capanne su palafitte dei pescatori, le isolette di Kleisova e di Agios Sostis contribuiscono a rendere la regione di Missolungi un luogo dal fascino unico e degno di un film. Qui nella Grecia occidentale, la città degli eroi è pronta a rivelarti tutti i suoi segreti.



Cosa fare a Missolungi


La Missolungi rivoluzionaria: l’assedio della libertà
Per tutti i Greci Missolungi è un esempio ineguagliabile di coraggio e strenua resistenza. Assediata da ingenti truppe ottomane ed egiziane per un anno, nel 1826 l’intera popolazione decise un’uscita eroica: soltanto una parte riuscì a sopravvivere, ma questo gesto straordinario divenne una pietra miliare della storia greca e destò l’interesse e il supporto internazionale verso la Grecia. Nel 1937 Missolungi è stata definita “città sacra”.

Uno dei più ricchi habitat acquatici del Mediterraneo
Le due lagune di Missolungi-Aitolikos, insieme al delta dei fiumi Acheloos ed Evinos, creano uno dei più imponenti habitat acquatici del Mediterraneo, che ospita una grande varietà di uccelli e pesci. Si estende dai pendii del monte Varasova alla spiaggia di Astakos sullo Ionio, ha una linea costiera di 50 km e copre un’area di 140.000 metri quadrati. La zona è protetta dalla Convenzione di Ramsar e ospita più di 200 tipi di uccelli, osservabili soprattutto da ottobre a marzo.

Avgotaraho: la leccornia dei sultani
L’avgotaraho di Missolungi, ovvero la bottarga di muggine grigia, è apprezzata in tutto il mondo. Sotto la dominazione turca era tra i piatti preferiti del sultano. Oggi è un eccezionale prodotto greco assolutamente da provare e che alcuni preferiscono anche al caviale.

Passeggiando nel giardino degli eroi 
La creazione di questo frondoso giardino in memoria degli eroi della Guerra d’Indipendenza greca del 1821 avvenne nel 1830 e fu uno dei primi atti del governo Capodistrias. Qui ammirerai le tombe di molti celebri patrioti e dello stesso Lord Byron. Visiterai anche il Museo di Storia e Arte, allestito in un elegante edificio neoclassico del 1932, nonché il Museo del Folklore.

La Galleria d’Arte Contemporanea ospita un’importante collezione di opere di pittori, scultori e incisori greci del XX secolo. Missolungi è una città che ama l’arte e la storia, ma anche la bella vita: vi troverai hotel, caffè, bar e ristoranti aperti tutto l’anno.


Immagini di Missolungi



Perle nascoste di Missolungi


Kayak tra i fenicotteri
In questo angolo di Grecia occidentale le placide acque della laguna costituiscono il luogo ideale per dedicarsi al kayak, lungo tutto il corso dell’anno. Se deciderai di remare presso le isolette di Kleisova ed Agios Sostis, avrai buone probabilità di vedere da vicino i fenicotteri.

Gita ad Aetoliko
Questa piccola città a 12 km da Missolungi si affaccia su una laguna e ha una splendida strada costiera ideale per le passeggiate. Oltre ai fenicotteri sparsi qua e là fra le acque, ammirerai saline lunghe chilometri e chilometri e imponenti piramidi di sale. Qui si produce la maggior parte del cloruro di sodio greco.

Aetoliko si sviluppa sull’isola che separa le due lagune. Ti incanteranno i colori intensi ed esotici delle barchette, della flora e della fauna locale, ma soprattutto gli indimenticabili sapori della cucina cittadina, da gustare in una delle tante taverne in riva al mare. Tra le specialità tipiche si annoverano il petali (cefalo) alla griglia, l’anguilla alla griglia o al cartoccio e i crostacei di stagione.

Gli “acrobati” del lago
Viste da lontano, le sagome delle persone sulla strada rialzata di 5 km tra l’isola di Tourlida e la terraferma sembrano camminare su una fune. Questa striscia di terra venne realizzata nel 1885 e da allora è meta fissa dei pescatori del posto. Al tramonto questo luogo diventa magico: quando il sole si tuffa nell’acqua tranquilla fa brillare ogni cosa e tutto rifulge di una indescrivibile luce dorata. E’ uno dei più bei tramonti a cui tu possa assistere in Grecia. Lungo la strada ti imbatterai nelle barchette e nelle capanne su palafitte dei pescatori, nell’isoletta di Kleisova con la sua splendida chiesa e in montagne di sale nero.