KYTHNOS

QUELLO DI CUI INNAMORARSI!

Una costa d'oro ... due spiagge. Kolona, Kythnos

Paesaggi che ti stordiranno, colori e profumi dell'Egeo, storie che mescolano dolcemente leggenda e mito con la storia, dimostrando che la maestosità si trova spesso nella semplicità!


Una volta che conosci Kythnos, ti renderai conto del perché il suo nome deriva dall'antico verbo greco "keftho", che significa "nascondere". Tanta bellezza "nascosta" e autentico carattere egizio, e solo un breve salto in traghetto dal porto di Atene. Con una lunga storia che inizia nelle nebbie del periodo mesolitico, Kythnos, modesto e ospitale, inaspettatamente bello e sereno, vi dà il benvenuto.

Villaggi pittoreschi vantano stradine di ciottoli e giardini pieni di fiori; le cappelle emergono umilmente dai promontori rocciosi e dalle radure della foresta; la costa tentacolare rivela un centinaio di baie e calette, tutte adatte al nuoto; le grotte rendono i nascondigli ideali per fate ed elfi; e i castelli resistono con fermezza all'attacco nemico, conquistato solo attraverso il tradimento dei loro abitanti!

E poi ci sono gli aromi di origano e timo, mulini a vento messi in funzione dai venti dell'Egeo e fari solitari la cui luce trasmette un senso di sicurezza e speranza. Questo è Kythnos, una fiaba vivente che ti invita a viverlo insieme ai suoi ospitali residenti dal cuore aperto, un'isola pronta per essere innamorata.



Cosa fare su Kythnos


Hora
Hora, altrimenti nota come Messaria, è la capitale dell'isola costruita su un dosso collinare lungo il quale si sviluppano le case. Cammina lungo i sentieri pavimentati di labirinto, sotto archi decorati e fiancheggiati da case imbiancate a calce, tutti stretti l'uno all'altro. Dietro ogni angolo vedrete dipinti di residenti locali che ritraggono molti aspetti della vita dell'isola; sentirai il ritmo calmo della vita di tutti i giorni tra chiese, mulini a vento, fontane e piazzette.

Loutra
L'area sul lato nord-est dell'isola è ben nota per le sue sorgenti termali, frequentate dal re Ottone e dalla regina Amalia nel 19 ° secolo. Oggi c'è un fiorente centro di idroterapia con strutture organizzate. Le acque sotterranee, ricche di sali, zolfo e ferro, offrono sensuali bagni caldi e proprietà terapeutiche per molti disturbi. Goditi ogni secondo!

Driopida
Tranquillo, lontano dal mare e dai suoi venti, questo piccolo borgo si presta a piacevoli passeggiate nei suoi vicoli. Rimarrete colpiti dall'originalità delle case, tutte con tetti di tegole, probabilmente resti della tradizione del villaggio in ceramica. In Piazza, l'unica piazza del borgo, potrai goderti un caffè e mentre ascendi nei quartieri di Galatas e Pera Rouga ammirerai splendide chiese.

Spiaggia di Kolona
Quando la natura è nell'umore giusto, i risultati sono luoghi come la spiaggia di Kolona. Una stretta striscia di sabbia celeste è circondata dal mare creando due spiagge indipendenti. Le acque blu intenso, limpide e l'unicità del paesaggio giustificano la sua descrizione come una delle più belle spiagge dell'Egeo.


Immagini di Kythnos



Il monastero di Panagia Kanala
Nell'unica area dell'isola con alberi di pino, arroccato su una roccia, si trova il monastero di Panagia Kanala, dal nome del santo patrono dell'isola e uno dei luoghi di pellegrinaggio più importanti delle Cicladi. L'icona miracolosa della Santa Vergine, presumibilmente una creazione di San Luca, è custodita qui. La tradizione vuole che l'icona sia stata trovata dai pescatori in una notte stellata nelle direttrici tra Kythnos e Serifos. Il 15 agosto di ogni anno, c'è una grande festa con una processione e la rievocazione della scoperta dell'icona della Beata Vergine.

Il monastero di Panagia di Nikous
A 800 m da Hora, si trova il monastero, la cui chiesa principale è ancora splendente nel suo stile isolano, con pareti curve e bianche lavate a secco. La leggenda narra che fu qui che l'icona di Panagia Nikopios fu trasportata da Costantinopoli, in seguito rubata dai veneziani e oggi situata a San Marco a Venezia. Il 15 agosto di ogni anno, c'è una grande festa seguita da una grande festa.


Gemme nascoste di Kythnos


Il castello di Oria
Sull'altitudine di Katakefalos, dove una volta si trovava la capitale dell'isola, vi sono resti di case e due chiese della cittadella che prosperarono durante l'occupazione veneziana. Si pensa che sia il leggendario castello di Oria che resistette all'assedio turco per 12 anni e cadde a causa di un traditore che sedusse la bella Oria per aprire le porte per lui. Vivi il mito mentre guardi il mare. La vista dell'Egeo è unica.

Il museo popolare
Il museo folcloristico di Driopida merita una visita per i costumi locali e gli oggetti di uso quotidiano dei giorni passati esposti lì. Attraverso di loro avrai una visione speciale dello stile di vita dei locali.

Chiese
Visita la chiesa di Agios Minas a Driopida con la migliore pala d'altare in legno intagliato, il tradizionale trono del vescovo fatto a mano e l'ornato Santo Bier.

A Hora, dovresti visitare la chiesa di Agios Savvas risalente al 1613 e la chiesa di Metamorfosis tou Sotira con il suo schermo speciale, opera di alcuni dei più grandi pittori icona cretesi.