MANGIARE GRECO

Quando siete in Grecia, mangiate come un greco

Guarda il video

Sapori tradizionali e moderna cucina greca si combinano per creare un’esperienza culinaria unica


I greci si avvicinano al cibo con un misto di serietà e nostalgia, con sempre in mente i piatti con cui sono cresciuti. Non mangiano per vivere, ma vivono per mangiare, e un pasto è quasi sempre un’occasione sociale, conviviale, nella quale rivive il significato originario della parola “compagnia” - persone che condividono il pane. La cucina greca offre prelibatezze uniche.

Non esiste il concetto della sindrome occidentale “mordi e fuggi”. Qui in Grecia, un pranzo o una cena può durare ore, e più persone si radunano al tavolo, meglio è; in quanto il buon cibo e il buon vino portano buone chiacchiere. Quindi, sedetevi e preparatevi a divertirvi. Inizierete con una serie di antipasti, i cosiddetti “mezedes”. Presentati su piatti piccoli e ideati per stuzzicare l’appetito, possono essere accompagnati da ouzo, la bevanda nazionale, tsipouro simile alla grappa o, naturalmente, vino.

Possono arrivare senza un ordine preciso, ma i piatti freddi sono adatti ad essere serviti per primi, il pesce prima della carne, e sono intesi per essere condivisi, non destinati ad una sola persona. Una cosa che vi colpirà immediatamente è la freschezza e l’eccellenza delle materie prime locali: le insalate appena raccolte, i frutti di mare appena pescati, la carne di bestiame allevato su una collina e non in allevamenti intensivi.

Quali sono dunque gli elementi di base della cucina greca? Il sale dal mare onnipresente, l’olio d’oliva, il nostro oro liquido che racchiude tutta la bontà del sole, e il pane, la base della vita, macinato dal grano, l’antica coltura della terra.


Cucina tradizionale greca


Dall’antichità ad oggi, le abitudini alimentari greche sono cambiate in modo così radicale che è difficile riassumere in poche parole la cultura gastronomica del paese. Anche se è molto probabile che gli eroi di Omero si sentirebbero a proprio agio in una Pasqua greca, non riconoscerebbero i limoni, le patate o i pomodori e molto altro ancora. Da quei lontani giorni, tanti nuovi frutti e verdure sono arrivati ​​in questi lidi, moltissime persone hanno introdotto diversi modi di cucinarli, sia dall’Oriente che dall’Occidente, per questi motivi tracciare le radici e le tendenze della cucina tradizionale greca è complicato.

Ma una cosa è vera da sempre: l’enfasi sugli autentici ingredienti crudi, genuini e cresciuti localmente, sui piatti semplici e cucinati lentamente e senza salse elaborate, conditi con erbe e olio d’oliva piuttosto che spezie esotiche, con amore e fantasia.



Cucina greca moderna


Negli ultimi due decenni è fiorita una nuova ondata di chef, impegnati a ricreare la cucina tradizionale greca con cui sono cresciuti, ma con nuove combinazioni e tecniche. Spesso formati all’estero, dove sono entrati in contatto con altre culture culinarie, sono ambasciatori in entrambe i sensi. Al loro ritorno, sperimentano nuovi approcci alle ricette tradizionali, cambiando tecniche e dando vita alla moderna cucina greca. Anche la produzione domestica prima trascurata viene riscoperta, trasformata e reinventata.

A titolo di esempio, abbiamo il raro skolymbi cretese, una verdura selvatica che costa più di un filetto mignon, le patate dolci di Trikala, le castagne di Volos, il maiale nero d’allevamento e la capra di montagna di Creta. Un’amalgama di sapori intrigante: il vecchio, con il suo valore storico, mescolato alle nuove idee prende nuova vita; innovativo, con rivelazioni sorprendenti e straordinariamente fresco. Rimarrete stupefatti dall’inventiva della nuova generazione di cuochi negli ottimi ristoranti della terraferma e delle isole, da Creta a Corfù, dalla Calcidica alla Laconia. Cercateli e assaporate le loro proposte. Vi assicuriamo che chiederete un secondo piatto.


DESTINAZIONI GASTRONOMICHE